Nuovo Ospedale a Chieti #NoProjectFinancing

Il MoVimento 5 Stelle di Chieti non è contrario alla costruzione di un nuovo ospedale a Chieti o alla ristrutturazione della struttura esistente.
Siamo tuttavia fermamente contrari allo sperpero del denaro pubblico che avverrà qualora Regione ed ASL approvassero definitivamente il progetto presentato – peraltro senza che nessuno lo abbia richiesto – dalla Maltauro & Co.
Considerato che si parla di denaro pubblico e quindi dei soldi di tutti noi abruzzesi, teatini compresi, vogliamo vederci chiaro poiché, quello che abbiamo visto sino ad ora, non ci piace affatto.
Il progetto di finanza della Maltauro, Azienda Bresciana Petroli Nocivelli e Finanza e Progetti, comporterà una spesa che nella più rosea delle aspettative, sfiorerà il Miliardo di Euro!
Nonostante le cifre dichiarate dalla Regione siano di gran lunga più contenute, il calcolo è presto fatto:
Maltauro & Co. chiedono che la ASL versi, nei 30 anni di concessione, circa 408 Milioni di Euro di canoni di disponibilità; 435 Milioni di Euro per la concessione e la gestione dei servizi di “facility management” termine anglofono per descrivere i servizi accessori quali ristorazione e mensa, pulizie e sanificazione degli ambienti, parcheggi, manutenzione aree verdi e una lunga serie di servizi simili; 23 Milioni di Euro per costi legati alla fornitura di macchinari (strumenti diagnostici e di uso medicale) ed arredi vari; 76 Milioni di Euro da destinare alla società di progetto; circa 23 Milioni di Euro di rinunce ai cosiddetti costi di opportunità (legati cioè ai servizi che la ASL oggi eroga direttamente all’utenza).
TOTALE 965 MILIONI di Euro di soldi pubblici erogati in 30 anni a favore della Maltauro & Co.
La Regione Abruzzo potrebbe procedere anche da sola e con le proprie risorse alla costruzione dell’opera, laddove questa fosse realmente necessaria.
I costi di costruzione si aggirano intorno ai 200 Milioni di Euro e considerato che una buona parte di queste somme sono già attualmente disponibili nelle casse regionali, per la parte eccedente si potrebbe fare ricorso alla Cassa depositi e Prestiti che, notoriamente, applica interessi di gran unga sostenibili rispetto alle somme concesse agli enti pubblici.
Il risparmio è evidente!
La Regione spenderebbe una somma almeno 5 volte inferiore rispetto al progetto di finanza.
E’ allora naturale chiedersi per quali motivi il Presidente della regione Abruzzo, Luciano D’Alfonso, che è anche Commissario ad acta del settore sanità e l’Assessore Paolucci, non si siano accorti di questa macroscopica differenza di costi prima di approvare il project financing della Maltauro e come mai, lo stesso D’Alfonso abbia dichiarato che proprio il progetto di finanza comporterebbe “una significativa riduzione dei costi di gestione di strutture non più adeguate” ().

Allo stesso modo a Chieti ci chiediamo per quali motivi il Sindaco abbia già dichiarato, prima ancora di conoscere i documenti, di essere favorevole alla realizzazione del project financing. Forse pensa che i soldi pubblici necessari non provengono anche dalle tasche dei suoi concittadini?
Per quali motivi dimostra così tanta fiducia nell’operato del Presidente della Regione Abruzzo?
E’ vero che la costruzione del nuovo ospedale attiene alla competenza ASL-Regione ma è anche vero che il nosocomio verrà realizzato sul suolo del Comune di Chieti, che servirà principalmente il nostro territorio e noi teatini, che saremo comunque chiamati a sostenere i maggiori costi legati a quella che ha tutta l’impressione di essere una enorme manovra speculativa.
noprojectfinancing